Immobile Di Lusso In Vendita Sull'appennino Tosco-emiliano | Lionard 

IMMOBILE DI LUSSO IN VENDITA SULL'APPENNINO TOSCO-EMILIANO

27 Foto

 Inserita tra le colline dell'Appennino Tosco-Emiliano, quest'immobile di di lusso, attualmente adibito a struttura turistico-ricettiva in vendita è circondato da 7.630 mq di terreno che gode di una meravigliosa posizione panoramica.
L'edificio principale è stato ricavato da un'antica costruzione rurale che è stata recentemente sottoposta ad un'attenta ristrutturazione e ad un ampliamento che l'ha trasformata in abitazione di lusso costruendo anche alcuni annessi oltre alla realizzazione di una magnifica piscina.
Il corpo centrale della casa di pregio in vendita si sviluppa su tre piani. Il piano terra ospita gli spazi comuni, ossia un salone, un'ampia taverna con soppalco adibito a sala biliardo, un bar, una sala tv, una spaziosa sala da pranzo con un imponente camino in pietra, una cucina, un bagno, un vano ad uso lavanderia ed uno studio accessibile dall'esterno. Al primo piano si trovano una camera con bagno comunicante con l'esterno dell'edificio ed un'abitazione composta da un soggiorno con angolo cottura, cinque camere da letto, due bagni ed un terrazzo. Il secondo piano mansardato accoglie sei camere da letto con bagno ed una piccola loggia. Tutti i locali della villa sono curati nei minimi dettagli ed arredati con mobili antichi. Le finiture dei pavimenti, le porte e le pareti interne del piano terra in pietra a vista fanno di questa struttura una dimora affascinante e suggestiva. Anche il ristorante, ricavato da una vecchia stalla, rispetta questo stile con un arredamento tipicamente rurale.
La proprietà di pregio sita a cavallo tra la Toscana e l'Emilia Romagna è completata da alcuni locali accessori: un fienile, una legnaia, ricoveri per mezzi agricoli ed attrezzi, ma soprattutto dieci box per cavalli ed un ampio paddock esterno dotato di copertura mobile.

Dettagli Tecnici Regione: Emilia Romagna
Comune: Parma
Zona: Parma

Tipologia: abitazioni lusso - ville di prestigio
Superficie interni: 1.391,26 mq
Superficie esterni: 7.630 mq

Immobile di lusso ad uso ricettivo:
Camere con bagno: 7
Bagno: 1
Salone: 1
Sala da pranzo: 1
Cucina: 1

Casa di lusso:
Camere: 5
Bagni: 2
Soggiorno con angolo cottura: 1

oltre vani accessori e locali tecnici

Ristorante
Ping pong
Bocciodromo
Piscina
Box cavalli
Paddock
Parcheggio
Terreno: 7.630 mq

Emilia Romagna – Parma: Parma km 71 - La Spezia km 67 - Reggio Emilia km 100 - Impianti termali km 36 - Golf club km 12 - Aeroporto Parma km 62 - Uscita autostrada: uscita Parma ovest/La Spezia km 16.

Rif: 0408
Prezzo: € 1.750.000

casa di pregio

casa di charme
villa in vendita

Contatti

Per meglio corrispondere alle vostre esigenze Vi preghiamo di compilare i campi sottostanti specificando la lingua in cui gradireste risposta. Lionard Vi risponderà quanto prima.

Nome *
Cognome *
Email*
Telefono*
Società
Lingua*
Paese *
Messaggio *
Privacy *
Accetto condizioni D.Lgs. 196/03.

Tel.: +39 055 0548100

Emilia Romagna Parma

Emilia Romagna – Parma: La valle del Taro dove sorge il nostro elegante immobile di prestigio, in epoca preromana, era abitata dai Liguri velleiati la cui resistenza fu vinta nel 157 a.C. dalle legioni romane. Tra i secoli VIII e X Torresana, antico nome di Borgo Val di Taro, dipendeva dall'Abbazia di San Colombano. La corte di Torresana era uno dei più vasti e redditizi possessi del monastero bobbiense e fu divisa dai frati in 47 livellari. Intorno all'anno Mille i Platoni, tra i più potenti livellari dell'Alta Valle del Taro, cominciarono a considerare le terre ed i proventi affidati loro in gestione come beni proprii e a suddividerli tra gli eredi dai quali ebbero origine nuove famiglie che faranno la storia di Borgo Val di Taro e d'intorni.
I Platoni, impossibilitati a controllare le terre di cui erano signori, nella prima metà del XII secolo, giurarono fedeltà e vassallaggio al Comune di Piacenza adottandone leggi e statuti che regoleranno la vita della comunità borgotarese anche nei secoli futuri. Nel XIII secolo fa la sua comparsa nel valtarese la potente famiglia genovese dei Fieschi che per tutto il Quattrocento ed il Cinquecento contenderà alla famiglia piacentina dei Landi il potere sulla Repubblica di Borgo Val di Taro. I Fieschi abbandoneranno definitivamente il Borgo nel 1547 dopo la fallita congiura di Gianluigi Fieschi contro la Repubblica di Genova. Con i Fieschi fuori gioco, i Landi rientrarono in Borgo Val di Taro assumendo verso la nobiltà locale e la popolazione un atteggiamento vessatorio che portò alla loro cacciata nel 1578. Del fatto approfittò il Duca Ottavio Farnese che occupò il Borgo in aperto contrasto con l'imperatore.
Nel 1636 le truppe imperiali entrarono nel Borgo dove sorge il nostro immobile di prestigio in vendita e restituirono il borgo al Doria, marito di Polissena Landi, ultima erede della famiglia. Su iniziativa del Papa Urbano VIII il Doria/Landi dovette restituire il borgo al duca Farnese nel 1646 e, da quell'anno, Borgo Val di Taro entrò nel Ducato farnesiano. Nel 1802 con la morte del Duca Ferdinando e passando suo figlio Ludovico a governare l'Etruria, il Governo del ducato restò vacante. Ne approfittò Napoleone che vi introdusse le leggi francesi. Dopo la sconfitta di Napoleone, Parma, Piacenza, Guastalla, e quindi anche il Borgo dove nasce l’incantevole immobile di prestigio in vendita, passarono sotto il governo di Maria Luigia. Nel 1859 avvenne l'annessione dell'Emilia al Piemonte e da quel momento la storia di Borgotaro entra a far parte della storia nazionale.