Villa Di Lusso In Vendita Sul Lago Di Garda Con Vista Lago | Lionard 

VILLA DI LUSSO IN VENDITA SUL LAGO DI GARDA con vista lago

1 Foto
In posizione dominante sul Lago di Garda, è in vendita quest'esclusiva villa di lusso con panoramica e suggestiva vista lago, corredata da 13,892 ha. di terreno di cui 8 destinati a vigneto.
La casa padronale ha una superficie di 658 mq e si sviluppa su tre piani che ospitano due abitazioni. La prima residenza si articola su tre livelli ad ospita, al piano terra, una sala da pranzo con camino, un salone, una cucina con vista panoramica sul lago, mentre al primo piano ci sono uno studio, quattro camere da letto e due bagni di cui uno con sauna. Il secondo piano è occupato da un mini-appartamento di lusso con travi a vista composto da un soggiorno, una camera ed un bagno.
La seconda abitazione ha un'entrata indipendente ed è collegata alla prima residenza con una scala in legno interna ed è composta da un soggiorno, una camera da letto ed un bagno.
La villa di pregio in vendita al lago è collegata all'appartamento del custode  grazie ad un portico dove si trova la zona grill con forno a legna. L'appartamento del custode ospita un piccolo soggiorno-cucina, un bagno ed una splendida terrazza con vista sul lago. Il primo piano della villa ospita anche una zona relax con una grande piscina con solarium che offre una splendida vista sul lago. A disposizione per gli amanti dello sport vi è anche un campo da tennis. Sul territorio della proprietà si trova una tenuta agricola specializzata nella produzione vinicola con un piccolo oleificio. L’edificio è di 310 mq così disposto: piano terra – zona produzione, magazzino, laboratorio, servizi; primo piano – ufficio, appartamento custode (soggiorno-cucina, camera da letto, balcone). Davanti all’edificio della tenuta c’è un deposito attrezzi coperto.
Sul territorio c’è anche una casetta di legno con tutti i comfort (soggiorno-cucina, camera da letto, bagno).
Dettagli Tecnici Regione: Lombardia
Comune: Brescia
Zona: Lago di Garda

Tipologia: case lago di garda - ville lago
Superficie interni: ca. 1000 mq
Superficie esterni: 13,892 ha

Villa padronale: 658 mq
Casa di lusso A:
Camere: 5
Bagni: 4
Saloni:1
Sala da pranzo: 2
Cucina: 1

Casa di lusso B:
Camere: 1
Bagni: 1
Soggiorno: 1

Appartamento custode:
Camere: 1
Bagni: 1
Soggiorno-cucina: 1

oltre vani accessori e locali tecnici

Piscina
Campo da tennis
Sauna
Garage
Parcheggio coperto
Vigneto: 8 ha
Superficie totale terreno: 13,892 ha


Lombardia – Brescia – Lago di Garda: Brescia km 25 – Gardagolf Country Club km 10 – Impianti Termali Sirmione km 22 -  Aeroporto Verona km 74 - Uscita autostrada: uscita Brescia est km 21.

Rif: 2308
Prezzo: Da 5M a 10M

villa al lago

lago di Garda villa in vendita
ville sul Garda

Contatti

Per meglio corrispondere alle vostre esigenze Vi preghiamo di compilare i campi sottostanti specificando la lingua in cui gradireste risposta. Lionard Vi risponderà quanto prima.

Nome *
Cognome *
Email*
Telefono*
Società
Lingua*
Paese *
Messaggio *
Privacy *
Accetto condizioni D.Lgs. 196/03.

Tel.: +39 055 0548100

Lombardia Brescia

Lombardia – Brescia – Lago di Garda: il nome Salò non ha una derivazione chiara, in molti hanno tentato di dare una definizione sull’origine, senza mai giungere ad una risposta certa. Alcuni lo fanno risalire al nome di una regina etrusca, Salodia, che abitò a Salò, fondando magnifici palazzi. Altri lo collegano ad un lucumone (magistrato) Saloo, nobile di stirpe etrusca, altri ancora al termine latino Salodium, che indicava le sale e le stanze di cui erano ricche le ville di epoca romana sul lago. Una spiegazione valida sembra essere quella che fa risalire il nome del borgo in Lombardia di Salò, al fatto che la città era, anche nell’antichità, la capitale economica dove veniva depositata una risorsa importantissima come il sale. Si deve tenere presente che Salò, nei tempi antichi, era collegata al mare Adriatico attraverso il fiume Mincio (emissario del lago di Garda), che arrivava al delta del Po e poi all’Adriatico. Quindi, tramite le navi, i romani risalivano le correnti marine e quelle fluviali fino a giungere a Salò, dove avevano i loro depositi.
Questa cittadina a 1 ora di cammino da Milano vanta pretese romane di antica data anche se, ancora prima dei romani, probabilmente in epoca preistorica, qui c’erano insediamenti neolitici di grande rilievo. Nella zona nord-occidentale di Salò (zona Lugone ora via Sant’Jago), fu rinvenuta una necropoli romana (un cimitero dove i romani seppellivano i loro avi) e, negli anni 70, fu condotta un’accurata campagna di scavi che portò alla scoperta di diverse tombe ed al rinvenimento di vario materiale, fra cui un’anforetta che tutti c’invidiano e, che ora, è esposta al museo archeologico di Milano. Sembra che di questa piccola anfora, che riporta impresse scene di caccia, ne esista un’altra copia, peraltro non proprio simile, ma che mostra le stesse caratteristiche strutturali, e si trovi in Spagna.
Le mura medievali, di cui rimangono rare tracce, furono alterate e rinforzate da Beatrice della Scala nel XV secolo. Di quel periodo sono anche le due porte della città, una delle quali sormontata da un antico orologio. Durante il periodo di dominazione veneta (1423-1796), Salò divenne capitale di un vasto territorio che, nella seconda parte del ‘500, assunse il nome di "Magnifica Patria". Vi risiedeva un Podestà o Rettore che governava l’intero territorio col mandato di amministrare anche la giustizia. Con l’avvento di Napoleone e successivamente con l’Amministrazione austriaca del Regno Lombardo-Veneto, la riviera di Salò cessa di essere autonoma ed entra a far parte della provincia di Brescia. Nell’ottobre 1943 nasceva tra Salò e Gargnano la R.S.I., conosciuta come Repubblica di Salò.