Storica Dimora In Vendita In Toscana | Lionard 

STORICA DIMORA IN VENDITA IN TOSCANA

26 Foto

Questa splendida e storica Villa, in vendita oggi a Pisa, se pur di ben più antiche origini, prese la sua forma attuale tra la fine del XVIII e la prima metà del XIX secolo, ad opera dell’Architetto Francesco Roncioni e di una equipe di architetti che trasformarono questa proprietà da casa di prestigio, con duplice funzione abitativa ed agricola, in luogo per la villeggiatura. In questo periodo anche gli esterni trovano nuova sistemazione – in conformità con la nuova caratteristica di Buon Retiro della villa a Pisa – con fontane, giochi e percorsi d’acqua e strutture adibite “alla comoda ritirata degli uomini”. La storica dimora di lusso in vendita in Toscana, sviluppata su 4 livelli, di cui uno interrato, ha una superficie coperta di 2.240 mq. All’interno, gran parte delle stanze mostrano – ancora in ottimo stato di conservazione – gli affreschi di Pasquale Cioffi e Giovan Battista Tempesti: ogni stanza è un susseguirsi di grottesche e trompe-l’oeil, di soffitti con sfondati e finte architetture rococò, in linea con l’illusionismo prospettico più spinto di fine Settecento. Il parco romantico esterno – progettato da Antonio della Gherardesca – si estende per circa 6 ettari, in un percorso che accosta elementi naturali, come giochi d’acqua, alberi secolari, cespugli dalle forme bizzarre, a elementi artificiali. Fanno tuttora parte del parco, infatti, una cappella in stile neogotico, decorata con pezzi del Trecento provenienti dalla chiesa di san Francesco a Pisa, due piccoli templi dedicati a Venere ed a Bacco, una grotta coperta da una volta a botte decorata con pietre dure, madreperle e conchiglie, un piccolo romitorio, la casa del custode ed un piccolo castello rimasto incompiuto, il tutto oggi in vendita. Particolare attenzione va, inoltre, rivolta all’edificio della Bigattiera – anch’esso progettato da Antonio della Gherardesca –, edificato negli anni ’20 del XIX secolo per ospitare un allevamento di bachi da seta e le filande seriche. Questo splendido edificio, esemplare tipico del neogotico Toscano oggi in vendita, di 680 mq, assieme all’antica Casa Marianna, un edificio di 1.500 mq destinato ad ospitare i lavoranti della bigattiera, testimoniano la vocazione imprenditoriale, oltreché artistica, di Francesco Roncioni. A quanti amano la letteratura, ricordiamo che questa Storica Villa a Pisa fu lo sfondo dell'amore tra Ugo Foscolo e Isabella Roncioni, immortalata dal poeta nel personaggio di Teresa delle Ultime lettere di Jacopo Ortis.

Dettagli Tecnici Regione: Toscana
Comune: Pisa
Zona: Pisa

Tipologia: Villa Pisa - Case di prestigio in vendita
Superficie interni: ca. 5.000 mq
Superficie esterni: 64.900 mq

Villa Principale: 2.240 mq
Bigattiera: 680 mq
Casa Marianna: 1.520 mq
Casa del custode: 145 mq
Rovine del Castello: 463 mq
Cappella
Romitorio
Tempio di Venere
Tempio di Bacco
Grotta

Parco: 64.900 mq

Toscana – Pisa: Pisa km 10 - Lucca km 14 - Viareggio km  20  - Forte dei Marmi km 40 - Firenze km 80 - Livorno km 30 - Golf Club Tirrenia km  23 - Aeroporto Pisa km 11 - Casello autostrada: uscita Lucca Est km 11.

Rif: 0249
Prezzo: Da 5M a 10M

villa luxury

casa lusso
vendo villa

Contatti

Per meglio corrispondere alle vostre esigenze Vi preghiamo di compilare i campi sottostanti specificando la lingua in cui gradireste risposta. Lionard Vi risponderà quanto prima.

Nome *
Cognome *
Email*
Telefono*
Società
Lingua*
Paese *
Messaggio *
Privacy *
Accetto condizioni D.Lgs. 196/03.

Tel.: +39 055 0548100

Toscana Pisa

Toscana – Pisa: Tra le valli dell’Arno e del Serchio, a metà strada tra Pisa e Lucca, sorge il Comune di San Giuliano Terme, un comune in Toscana ricco di storia, di immobili prestigiosi, di bellezze artistiche e ambientali, abitato sin dal Neolitico. E’ in periodo romano però che il borgo in Toscana di San Giuliano Terme, conosce i suoi primi splendori: risale a quell’epoca l’acquedotto che conduceva le preziose e benefiche acque termali ai “Bagni di Nerone”, l’antico nome delle Terme di Pisa. La testimonianza di quanto già all’epoca fossero apprezzate le virtù terapeutiche di queste sorgenti, è offerta da Plinio Il Vecchio, che menzionerà nei suoi scritti più volte l’uso delle “aquae pisanae”. Gli otto archi dell’acquedotto romano nel comune in Toscana, tuttora esistenti nella località di Caldaccoli (“Calidae aquae”), rimangono come uniche vestigia dell’insediamento romano. Dopo alcuni secoli di abbandono, nel XII secolo le terme di San Giuliano in Toscana conoscono nuova vita, grazie ai successi militari della Repubblica Pisana (è il 1112 quando Matilde di Canossa decide di restaurare radicalmente le Terme), anche se è sotto il dominio del Granducato di Toscana, che le terme ritornano a nuovo e pieno splendore.
Dal 1406, quando Pisa e i suoi territori cadono sotto la dominazione Toscana, i Medici iniziano la trasformazione di questo borgo termale, dove sorge l’esclusiva villa in vendita in un luogo di benessere per la nobiltà. A partire dal XV secolo vengono costruite bellissime ville di lusso ad opera di importanti famiglie pisane e fiorentine, che, per la mitezza del clima e la bellezza della natura, le utilizzano come residenze per la villeggiatura. Il principale artefice della notorietà delle Terme di San Giuliano in Toscana rimane comunque il Granduca di Toscana Francesco I Lorena, che investì in un piano di rilancio e valorizzazione dei benefici delle acque termali e che dette fama e prestigio ad esse, facendo di San Giuliano Terme la sua residenza estiva.
Fu in questo periodo, nella seconda metà del XVIII secolo, che le Terme di San Giuliano giunsero alla loro massima notorietà, ospitando nobili e artisti, italiani e stranieri – questi ultimi spesso in sosta dai loro “grand tour” di formazione in giro per l’Europa. In quegli anni furono ospiti delle Terme in Toscana personalità del calibro di Vittorio Alfieri, Michel de Montaigne, Percy Bysshe Shelly, Lord Byron, Luigi Bonaparte, Paolina Borghese, Gustavo III di Svezia, il principe reale d'Inghilterra (futuro re Giorgio IV), la contessa d'Albany, il generale Murat, Giacomo Puccini e molti altri, a testimonianza della fama e del lustro di cui le Terme godevano in quel periodo.